Archivi categoria: pratica interiore

Integrazioni e intersezioni

Negli ultimi decenni, i metodi e le diverse tecniche della Meditazione e le pratiche della Mindfulness sono entrate nei campi della Psicologia, della Psicoterapia e della Medicina mente-corpo, dimostrando con crescente evidenza clinica la loro efficacia nel ridurre lo stress, riducendo la depressione e l’ansia, migliorando la qualità della vita, migliorando il benessere, migliorando la funzione immunitaria, inducendo l’abbassamento della pressione sanguigna ed altri diversi benefici in ambiti dove sia efficace l’approccio non verbale.
D’altra parte, già in precedenza si era visto il crescente utilizzo delle arti nella guarigione attraverso la promozione di arte terapia, danza / movimento terapia, musicoterapia, teatro terapia, psicodramma, la terapia narrativa e della poesia, e l’integrazione delle diverse arti espressive, in collaborazione con le loro applicazioni cliniche in continua espansione e supportate dalla ricerca.
Oggi i neuroscienziati possono testimoniare gli effetti positivi ed i cambiamenti nella direzione della guarigione che meditatori e arti terapeuti hanno sperimentato sia attraverso la propria esperienza sia per mezzo del loro lavoro con altri.

Attraverso l’uso del Brain imaging , del monitoraggio cardiaco e di altre misure fisiologiche, i neuroscienziati sono in grado di documentare gli specifici cambiamenti che registrano l’efficacia di questi approcci.
Le terapie basate sulla mindfulness si stanno espandendo in psicoterapia, soprattutto nei modelli della psicoterapia cognitiva di terza generazione e sono in aumento le applicazioni relative alla salute, mentre le arti terapie stanno continuando a portare risultati positivi ad una grande varietà di popolazioni cliniche.

Nei miei interventi propongo spesso l’intersezione di questi due approcci di cui ho fatto esperienza personale e che che insegno da molti anni, i quali permettono di avvicinarsi al proprio mondo interiore in modo potente ma allo stesso tempo con semplicità, in una modalità estremamente autonoma e in un clima di accoglienza e accettazione.

Art&Mindfulness, il percorso 

 

Yoga e Autotrascendenza

Il saluto al Sole

I risultati di una ricerca condotta da La Sapienza e dalla Fondazione Santa Lucia IRCCS
Yoga e neuroscienze: il link non è diretto e immediato ma indubbiamente c’è.  La pratica dello yoga, soprattutto negli individui che raggiungono livelli elevati di esperienza, sembra essere in grado di plasmare sia il corpo che la mente tramite la attività fisica e la meditazione. Una ricerca su persone con esperienza Yoga condotta dall’Università Sapienza di Roma e dall’IRCCS Fondazione Santa Lucia ha dimostrato come lo stile cognitivo, cioè la prospettiva che si prende nell’analizzare una scena, sia in diretta relazione con l’inclinazione dell’uomo verso gli aspetti più spirituali dell’esistenza misurata da un costrutto psicologico definito auto-trascendenza.

I partecipanti allo studio sono stati selezionati sulla base della loro esperienza con Asthanga yoga, una pratica che mette un accento particolare sul corpo e le sensazioni che da esso provengono. L’Ashtanga viene infatti praticato in luoghi senza specchi così che la corretta esecuzione delle posizioni (asanas) sia affidata completamente alla capacità del praticante di “sentire” il proprio corpo senza vederlo. La ricerca ha coinvolto 21 praticanti di yoga e un gruppo di controllo composto da soggetti senza esperienza in pratiche meditative e/o sportive.

L’esercitazione attraverso la quale è stato misurato lo stile cognitivo dei partecipanti ha valutato l’integrazione di informazioni provenienti da diversi sistemi sensoriali come la vista, il sistema vestibolare e la consapevolezza della posizione del corpo nello spazio; durante l’esercitazione si chiedeva al partecipante di ruotare un’asta fissata al centro di una cornice quadrata, fino a portarla in posizione verticale. L’esperimento è stato condotto in una stanza buia dove non era possibile accedere ad alcuna informazione visiva, ad esclusione degli stimoli presentati al soggetto.

Lo studio ha rivelato che i praticanti di yoga sono assai più accurati quando si tratta di stimare la verticalità e che hanno dei punteggi di auto trascendenza più alti rispetto al gruppo di controllo. La scoperta più interessante riguarda la relazione tra lo stile cognitivo utilizzato nella percezione dell’ambiente e l’auto-trascendenza; tanto più le persone sono auto-trascendenti e tanto più elaborano l’immagine sulla base dei suoi dettagli.

E’ importante sottolineare che la relazione tra stile cognitivo e auto-trascendenza non è stata trovata nel gruppo di controllo. Ed è possibile affermare che chi pratica lo yoga mostra una predisposizione a vivere la propria vita a contatto con l’aspetto più spirituale della propria esistenza. I ricercatori hanno ipotizzato che la relazione tra auto trascendenza e stile cognitivo sia dovuta ad una particolare capacità dei praticanti di yoga di essere più a contatto con il proprio corpo rispetto ai controlli e, per questo motivo, sono in grado di analizzare meglio le informazioni corporee.

E’ verosimile che tali indicazioni possano permettere una loro applicazione anche nella riabilitazione di pazienti con lesioni del Sistema Nervoso.

La ricerca è stata condotta da Francesca Fiori (Sapienza Università di Roma e IRCCS Fondazione Santa Lucia) e Salvatore Maria Aglioti (Sapienza Università di Roma e IRCCS Fondazione Santa Lucia), con la collaborazione di Nicole David (Dipartimento di Neurofisiologia e Patofisiologia, University Medical Center Hamburg-Heppendorf, Germania).

Fiori F., David N., Aglioti S.M (2014) Processing of proprioceptive and vestibular body signals and self-transcendence in Ashtanga yoga practitioners. Front. Hum. Neurosci. 8:734. Doi: 10:3389/fnhum.2014.00734
ref. link http://www.hsantalucia.it/modules.php?name=News&file=article&sid=923

Non amare il florido ramo…

Albero ai Poggetti

Non amare il florido ramo,

non mettere nel tuo cuore
la sua immagine sola;
essa avvizzisce.

Ama l’albero intero,
così amerai il florido ramo,
la foglia tenera e la foglia morta,
il timido bocciolo ed il fiore aperto,
il petalo caduto e la cima ondeggiante,
lo splendido riflesso dell’Amore pieno.

Ama la vita nella sua pienezza,
essa non conosce decadimento”.

poesia di Jiddu Krishnamurti

Rosignano Marittimo

Nutrire il proprio equilibrio

IMG_20140803_195736335_HDREntrare in contatto con la nostra sofferenza può aiutarci a nutrire la nostra compassione e può metterci in grado di riconoscere la felicità quando c’è. Se non siamo in contatto con il dolore, non possiamo sapere che cosa sia la vera felicità: il contatto con la sofferenza, quindi, è la nostra pratica.

Ognuno di noi però ha dei limiti, non possiamo fare più di quanto possiamo. Ecco perchè dobbiamo prenderci cura di noi stessi.

Se ascolti troppo la sofferenza e la rabbia degli altri, ne verrai contagiato; sarai in contatto soltanto con la sofferenza, forse non avrai l’opportunità di essere in contatto anche con altri elementi positivi’ e questo distruggerà il tuo equilibrio.

Nella vita quotidiana, dunque, devi praticare in modo da essere in contatto anche con elementi che non esprimano continuamente sofferenza: gli uccelli, il cielo, gli alberi, i fiori, i bambini, qualunque cosa porti freschezza, guarigione e nutrimento in te e intorno a te.

Thich Nhat Hanh, “Spegni il fuoco della rabbia”, 2001

Perché meditare…

barcone_cadaveri_pozzallo

Questo è il luogo di coloro che sono pieni di grande compassione, di coloro i cui cuori rimangono profondamente toccati in amore e saggezza, finché qualcuno ancora si lamenta nella sofferenza, nella miseria e dolore.

Questo è il luogo di coloro che sono eternamente impegnati per il benessere e l’illuminazione di tutta la realtà.

Qui è il luogo di coloro che danno espressione a se stessi seduti in meditazione e percorrendo tutti i sentieri dell’esistenza.

Profondamente radicati nella meditazione, sono allo stesso tempo totalmente preoccupati di aiutare tutti gli esseri, scendendo al fondo delle cose, colmi di rispetto per tutti coloro che sono già risvegliati.

-Avatamsaka Sutra “La Scrittura dell’Inconcepibile Liberazione”

Spesso ci si domanda se il tempo dedicato alla meditazione non sia una perdita di tempo…Io non penso, possiamo immaginare che durante la meditazione ci ritiriamo nel tronco, al cuore di noi stessi dove risiede la nostra energia, e durante la nostra quotidianità lasciamo vivere i fiori e le foglie che sbocciano alle estremità dei nostri “rami”…per questo è particolarmente adatta a chi svolge professioni di aiuto, e a chi deve sostenere altre persone anche in modi diversi…

Ama le domande, con pazienza…

 

...senza risposte

Sii paziente verso tutto ciò
che è irrisolto nel tuo cuore e…
cerca di amare le domande, che sono simili a
stanze chiuse a chiave e a libri scritti
in una lingua straniera.
Non cercare ora le risposte che possono esserti date
poiché non saresti capace di convivere con esse.
E il punto è vivere ogni cosa. Vivere le domande ora.
Forse ti sarà dato, senza che tu te ne accorga,
di vivere fino al lontano
giorno in cui avrai la risposta.

Rainer maria Rilke

Un solo viaggio possibile

trenitalia

C’è un solo viaggio possibile: quello che facciamo nel nostro mondo interiore.
Non credo che si possa viaggiare di più nel nostro pianeta.
Così come non credo che si viaggi per tornare.
L’uomo non può tornare mai allo stesso punto da cui è partito, perchè, nel frattempo, lui stesso è cambiato.
Da sè stessi non si può fuggire.
Tutto quello che siamo lo portiamo con noi nel viaggio.
Portiamo con noi la casa della nostra anima, come fa una tartaruga con la sua corazza.
In verità, il viaggio attraverso i paesi del mondo è per l’uomo un viaggio simbolico.
Ovunque vada è la propria anima che sta cercando.
Per questo l’uomo deve poter viaggiare.

Andrei Tarkovsky

La pratica della consapevolezza ci regala la capacità di osservare il nostro mondo interno, e cioè noi stessi, con i nostri bisogni, i nostri difetti, le nostre qualità.

Mente come un bocciolo

Possiamo avvicinarci al cuore della nostra mente permettendole di aprirsi come un bocciolo al calore del sole. Infatti, se abbracciamo noi stessi con uno sguardo non giudicante, sentiremo sorgere una spontanea compassione verso la nostra natura più intima, che potrà guidarci a fare le scelte più appropriate per noi stessi, e gradualmente otterremo delle trasformazioni nel nostro mondo interiore ed esteriore, quindi nelle nostre esperienze.

Il regalo è quello di metterci di fronte allo specchio di uno sguardo affettuoso ma realistico, l’unico che può aiutarci ad attraversare i naturali alti e bassi della nostra vita.